Financial Times: Toscana tra le mete di investimento più promettenti

La Toscana è stata riconosciuta come una delle regioni europee più promettenti per gli investimenti, classificandosi al quarto posto nella graduatoria “European Cities & Regions of the Future 2024” di Fdi Intelligence, commissionata dal Financial Times. Questo risultato è stato sottolineato durante la seconda edizione dell’Aftercare Forum a Firenze, che ha evidenziato il contributo delle oltre 2.800 aziende straniere presenti nella regione, le quali impiegano oltre 80 mila persone e generano un fatturato di 37 miliardi di euro.

Il successo della Toscana nell’attrarre investimenti è attribuito alla collaborazione tra soggetti pubblici e privati, promossa da enti come Invest in Tuscany. La regione punta a guidare la transizione ecologica e a sostenere la competitività delle imprese. Aziende come Baker Hughes, Dumarey Flowmotion e McPhy sono esempi di multinazionali impegnate in progetti di sostenibilità e economia circolare. Baker Hughes ha investito 650 milioni di euro per tecnologie digitali e per ridurre le emissioni, mentre Dumarey Flowmotion sviluppa combustibili a emissione zero e motori a idrogeno, e McPhy è attiva nella produzione di idrogeno pulito.

La Toscana mira a rendere competitivi i settori tradizionali, a riportare in patria aziende delocalizzate, e a investire nella riqualificazione della forza lavoro e nello sviluppo dell’intelligenza artificiale. Nei prossimi tre anni, sotto la guida del governatore Eugenio Giani, la regione cercherà di attrarre ulteriori investimenti internazionali in ricerca e sviluppo, sostenendo la crescita di centri di eccellenza, spin-off universitarie e startup innovative.

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio Economia Maremma e Tirreno: il portale informativo della Camera di Commercio per il monitoraggio del territorio

A breve nove bandi la competitività delle imprese toscane

Prossimo 10 luglio bando da 3 milioni per il benessere animale sul BURT Toscana

Italia leader mondiale nella nautica di lusso. Crescita superiore al PIL nello studio di Altagamma-Deloitte

Bando Giovanisì da 3 milioni per la zootecnica toscana

Financial Times: Toscana tra le mete di investimento più promettenti

Contattaci

Una città accessibile alle grandi aree urbane

La città di Grosseto si colloca sull’asse viario Roma-Livorno ed è collegata alle grandi aree urbane di Siena e Firenze tramite la E78.

Per quanto riguarda l’asse Roma-Livorno (la cosiddetta Tirrenica) il Governo italiano ha annunciato che nel 2025 inizieranno i lavori per il potenziamento e la messa in sicurezza di uno degli assi viari principali del territorio, con la previsione tra l’altro dell’adeguamento del tratto Grosseto sud-San Pietro in Palazzi e del tratto centrale da Ansedonia a Grosseto.

Per quanto riguarda il collegamento Siena-Grosseto sono in corso i lavori di adeguamento a quattro corsie della E78 .
L’intervento riguarda in particolare un tratto di circa 11,8 km e interessa i comuni di Sovicille, Murlo e Monticiano.

I lavori, per un investimento complessivo di 195 milioni di euro, consistono nell’adeguamento a quattro corsie della SS223 “di Paganico” mediante la costruzione di una nuova carreggiata in affiancamento all’esistente.

Grosseto è inoltre dotata di un aeroporto civile (Grosseto Airport-Seam Spa), che al momento svolge servizio per voli privati, con un traffico charter molto sostenuto, pari a circa 1500 voli charter l’anno per visite business e turistiche.

Aeroporti

Fiumicino

Aeroporto Leonardo da Vinci di Roma Fiumicino a 170 Km

Pisa

Aeroporto Galileo Galilei di Pisa a 155 Km

Firenze

Aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze a 155 Km

Porti

Civitavecchia

Porto di Civitavecchia a 109 Km
(per Corsica, Sardegna, Sicilia, e Isola di Capraia)

Livorno

Porto di Piombino a 73 Km
(per Isola d’Elba, Isola di Pianosa, Sardegna, e Corsica)

Ferrovie

Grosseto-Roma

2 ore

Grosseto-Pisa

1 ora e 30 minuti

Strade

E80

Grosseto-Roma, Grosseto-Sarzana

SS223

Grosseto-Siena