IT

A Firenze il 17 gennaio all’Annual Meeting di Invest in Tuscany verrà presentato il Rapporto 2024 da parte di The European House – Ambrosetti


La Toscana è una delle regioni europee più attrattive per gli investimenti stranieri, con quasi 3000 unità locali di aziende multinazionali e oltre 80mila lavoratori. La strategia di attrazione di investimenti, riconosciuta da fDI (Financial Times), si rinnoverà nei prossimi tre anni, con un nuovo bando focalizzato sulla ricerca e sviluppo. Il presidente della Regione, Eugenio Giani, spiega che l’obiettivo è attirare capitali stranieri per sviluppare competenze, valorizzare una rete competitiva e promuovere la cultura dell’attrazione. La Toscana ha già attratto 157 progetti greenfield tra il 2017 e il 2023, generando oltre 3 miliardi di dollari di spese in conto capitale e più di 10mila nuovi posti di lavoro. I settori target per il prossimo triennio includono la trasformazione alimentare di alta gamma, le scienze della vita, beni di lusso, automazione, tecnologie verde e blu, mobilità elettrica, carta e tessuti non tessuti, immobiliare ed educazione. Gli investimenti provengono principalmente da paesi europei come Regno Unito, Spagna, Francia, Germania, Austria, Svizzera, Scandinavia, Benelux, nonché dagli Stati Uniti, Canada e Giappone. L’Annual Meeting di Invest in Tuscany, il 17 gennaio 2024, sarà un’occasione per discutere di previsioni, obiettivi e strumenti per il futuro degli investimenti nella regione. Scarica il programma.

Articoli correlati

Presentato da FIAIP l’andamento del mercato immobiliare maremmano: presente anche Invest in Grosseto

Progetto Cervetti Srl nuovo partner del Distretto Biologico della Maremma

Via alla realizzazione del tratto più lungo della Ciclovia Tirrenica

Le sorgenti del Monte Amiata attraggono sempre più visitatori

La burocrazia dell’Unione Europea

In arrivo 1,3 milioni di euro dal Piano di sviluppo e coesione per il Polo manifatturiero di via Genova

Contattaci

Una città accessibile alle grandi aree urbane

La città di Grosseto si colloca sull’asse viario Roma-Livorno ed è collegata alle grandi aree urbane di Siena e Firenze tramite la E78.

Per quanto riguarda l’asse Roma-Livorno (la cosiddetta Tirrenica) il Governo italiano ha annunciato che nel 2025 inizieranno i lavori per il potenziamento e la messa in sicurezza di uno degli assi viari principali del territorio, con la previsione tra l’altro dell’adeguamento del tratto Grosseto sud-San Pietro in Palazzi e del tratto centrale da Ansedonia a Grosseto.

Per quanto riguarda il collegamento Siena-Grosseto sono in corso i lavori di adeguamento a quattro corsie della E78 .
L’intervento riguarda in particolare un tratto di circa 11,8 km e interessa i comuni di Sovicille, Murlo e Monticiano.

I lavori, per un investimento complessivo di 195 milioni di euro, consistono nell’adeguamento a quattro corsie della SS223 “di Paganico” mediante la costruzione di una nuova carreggiata in affiancamento all’esistente.

Grosseto è inoltre dotata di un aeroporto civile (Grosseto Airport-Seam Spa), che al momento svolge servizio per voli privati, con un traffico charter molto sostenuto, pari a circa 1500 voli charter l’anno per visite business e turistiche.

Aeroporti

Fiumicino

Aeroporto Leonardo da Vinci di Roma Fiumicino a 170 Km

Pisa

Aeroporto Galileo Galilei di Pisa a 155 Km

Firenze

Aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze a 155 Km

Porti

Civitavecchia

Porto di Civitavecchia a 109 Km
(per Corsica, Sardegna, Sicilia, e Isola di Capraia)

Livorno

Porto di Piombino a 73 Km
(per Isola d’Elba, Isola di Pianosa, Sardegna, e Corsica)

Ferrovie

Grosseto-Roma

2 ore

Grosseto-Pisa

1 ora e 30 minuti

Strade

E80

Grosseto-Roma, Grosseto-Sarzana

SS223

Grosseto-Siena